La Merced - CSI Onlus - Centro Solidarietà Internazionale Nord-Est Milano Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Merced

Progetti
Da diversi anni il Centro di Solidarietà nord-est Milano Onlus finanzia gli studi ad alcuni ragazzi della parrocchia "La Merced", Managua, Nicaragua. Ci teniamo a farvi leggere alcune testimonianze dei "becados".

Saul Siero, il ragazzo a sinistra della foto, è il responsabile operativo del progetto di borse di studio della parrocchia "La Merced". Ci ha mandato alcune sue riflessioni che qui riportiamo.

"Oggi vediamo come la tecnologia avanzi a grandi passi, ogni giorno leggo i giornali, navigo sulle reti internet trovando notizie nazionali e internazionali.

Molto spesso però mi domando se questa tecnologia sia vero progresso o se siamo noi che non sappiamo usarla bene. Io sono un giovane di 22 anni, preoccupato per la natura e la sua conservazione.

Negli ultimi anni ci sono stati, in Nicaragua, eventi naturali catastrofici che hanno distrutto vaste aree di territorio.

In città non sono favorite le famiglie, offrendo loro, ad esempio, nei parchi i giochi per il divertimento e non si premiano gli studenti bravi con i libri ma con i cellulari o i tablet che isolano i ragazzi e li fanno rimanere intrappolati in un mondo virtuale che non rispecchia la realtà.

I giochi popolari vengono dimenticati, i bambini, succubi della tecnologia, non creano più e così limitano le loro menti.

E' un peccato che questo venga chiamato progresso, con uno sviluppo che affossa le nostre tradizioni, la nostra cultura e che minimizza il nostro folklore, ma anche che rovina le nostre foreste, i fiumi e i laghi.

Molti comprano cose inutili, superflue, pur di apparire e si lavora per coprire i tassi di interesse delle banche che poi raramente ti aiutano. Questo consumismo sfrenato porta a più distruzione della natura, maggior sfruttamento dei lavoratori e più circolazione di "cibo spazzatura". Questo è quello che io penso di vedere nelle grandi aree urbane del mio Paese e purtroppo il mondo cambia in fretta e il Nicaragua, gradualmente, si lascia assorbire da questo sedicente "progresso e sviluppo".

Nonostante tutto ciò, è gratificante l'esperienza di vivere con famiglie in comunità lontane dalla capitale, dove ancora si può ascoltare il rumore dei fiumi, delle cascate, il fruscio degli alberi sotto la spinta del vento, dove gli animali selvatici girano liberamente, i bambini giocano assieme e alla sera ci si trova a discutere delle cose reali della vita di tutti i giorni.

Fortunatamente il progresso non ha ancora stravolto queste zone dove si vuole andare avanti in modo che la natura non venga cambiata, le radici culturali non si perdano, si conservino le nostre tradizioni popolari e soprattutto si pensi ai più poveri."


UN NUOVO STUDENTE
Mi chiamo Oscar Cristopher Zamurìa Tamariz e sono nato il primo Gennaio 2001, in ospedale a Managua. Ho un fratello da parte di padre ed una sorella da parte di madre che però non vivono con me.

All'età di tre anni ho frequentato la scuola prescolare “Miguel Larreynaga” che ora non esiste più. Più tardi sono entrato all'istituto “Loyola” per iniziare i corsi di scuola primaria. All'età di otto anni ho iniziato ad interessarmi di arti marziali e di musica, frequentando dei corsi di “Tae-Kwon-Do”, di chitarra, batteria e flauto, aiutato anche da mia sorella.

A undici anni ho terminato la scuola primaria e ho sostenuto l'esame di cintura nera.  L'impegno e gli orari della scuola mi hanno costretto a  lasciare le arti marziali e nel 2015 sono entrato nel coro della parrocchia “La Merced” di padre Tonio Castro. L'anno successivo mi sono iscritto alla brigata infantile dei vigili del fuoco di Managua, dove ho imparato le basi antincendio e le tecniche per domare gli incendi.
Il 2017 è stato un anno molto impegnativo per me in quanto ho dovuto frequentare  i corsi per diventare vigile del fuoco, durati sette mesi, il Sabato e la Domenica, e contemporaneamente frequentare la scuola secondaria.

Al corso pompieri si sono iscritte 70 persone, ma solo 13 hanno avuto la nomina, compreso il sottoscritto.  Non ho mai abbandonato gli studi e a Novembre 2017 ho preso il diploma di scuola superiore in scienze, letteratura, filosofia all'istituto “Loyola”.

Grazie alla borsa di studio del CSI ora frequento l'università “Del Valle” nella facoltà di ingegneria informatica, impegnandomi a perseguire questo nuovo obiettivo,  spero con gli stessi positivi risultati delle esperienze precedenti!


I RAGAZZI LAUREATI O DIPLOMATI

Vi forniamo l'elenco degli studenti che si sono laureati o diplomati dal 2001  ad oggi, usufruendo dell Borse di Studio del CSI Onlus:

Daniela Yassin Guerrero: Avvocato e Notaio Pubblico;

Mairena Salvador: Avvocato e Notaio Pubblico;

Siero Bismarc Pereira: Sociologo, sviluppo e valutazione di progetti per bambini con capacità differenti;

Ivania Lopez: Sociologa, fisioterapista, lavora con i bambini con capacità differenti;

Alan Aviles: Ingegnere civile;

Edwin Izaguirre: Medico;

Jerry Siero: Ingegnere in sistemi elettronici;

Williams Idalia: Medico;

Juan Manuel Pearce: Manager, amministrazione di imprese;

Kenya Ampia: Manager pubblico;

Oscar Sobalvarro: Avvocato e Notaio Pubblico;

Miranda Gabriela Estrella: Manager, amministrazione di imprese;

Maritza Gomez: Medico di laboratorio;

Gabriela Gutierrez Castellon: marketing aziendale;

J. Emmanuel Blandon: medico laureato a Cuba, lavora all'ospedaledi Muelle de los bueyes, nella regione atlantica del sud;

Heyner Rafael Avendano: architetto e disegnatore d'interni;

Elia Soledad Caamano Siero: manager pubblico;

Mary Jeane Lopez: dottoressa in scienze tecnologiche ambientali;

Jairo Ruiz Zuniga: disegnatore grafico e d'interni.

INDIRIZZO: VIA BALCONI, 13 - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MI)
TELEFONO: 338.5694512
INDIRIZZO E.MAIL: INFO@CSIONLUS.ORG
Torna ai contenuti | Torna al menu